DIAGNOSTICA DELL' IRSUTISMO E DEGLI IPERANDROGENISMI

In una donna i peli sono presenti normalmente solo a livello ascellare e pubico.In altre zone, come nelle gambe, la presenza dei peli è legata a caratteristiche familiari e/o etniche.
Il termine ipertricosi indica la presenza di troppi peli in aree dove comunque possono essere presenti.
Il termine irsutismo indica la presenza di peli in aree maschili, come volto, area sovrapubica, petto, glutei e cosce.
L' ipertricosi è dovuta prevalentemente a cause costituzionali mentre l' irsutismo può avere cause sia genetiche che ormonali.
La diagnosi si pone sia clinicamente che mediante esami di laboratorio.
La terapia può essere medica o laser da iniziare solo dopo la definizione diagnostica dell' eccesso di peli.



EPILAZIONE LASER CON LASER ALESSANDRITE

L'epilazione laser si basa sul principio della fototermolisi selettiva per cui la luce laser è capace di colpire i follicoli piliferi (la radice del pelo) attraversando la pelle senza danneggiarla. Molte sorgenti laser e sorgenti di luce pulsata sono utilizzate per l'epilazione.
Il golden standard per l'epilazione è costituito dai laser che più si avvicinano alla sensibilità del cromoforo melanina e che possiedono un efficace sistema di raffreddamento dell'epidermide come il laser ad Alessandrite.
Si possono trattare tutte le zone pelose del corpo e del viso come labbra, ascelle, dorso, inguine e gambe.
Per l' epilazione di vaste aree è preferibile usare un laser che copra un superficie ampia per ogni emissione (Spot), con alta frequesnza di ripetizioni.
Il laser ad Alessandrite permette di epilare gli arti inferiori in una seduta di circa un ora.
Il numero di sedute necessarie per completare un trattamento dipende dalla zona da trattare e dal soggetto e varia per il laser ad alessandrite in genere tra 3 e 7; il trattamento deve essere eseguito su pelle priva di abbronzatura.



© 2010
Created G&G grafica

Site Map - Privacy 

G.M. Vezzoni P.I 0191240464